FACOLTÁ di INGEGNERIA

Le università telematiche o università on-line, sono dei veri e propri enti universitari, che grazie al sistema di studio: metodo e-learning (l’apprendimento telematico) ti permette di seguire le lezioni online e i materiali, reperibili per ogni insegnamento, sono disponibili sulla piattaforma internet dell’università scelta. Ogni studente ha un proprio tutor che lo segue durante l’intero corso di studi e gli esami sono svolti nelle sedi dell’università (la maggior parte delle volte decentrale su tutto il territorio italiano).
I CORSI DI LAUREA EVIDENZIATI IN BLU SONO CONSIGLIATE PER LA FORMAZIONE PENITENZIARIA

lauree triennali

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
FIS/01 Fisica 12
ING-IND/35 Principi di Economia 6
MAT/05 Analisi Matematica 12
CHIM/07 Chimica Generale 6
ING-IND/15 Disegno Meccanico 6
MAT/03 Geometria 6
L-LIN/12 Lingua Inglese 3
ING-INF/05 Fondamenti di Informatica 6
SECONDO ANNO
ING-IND/10 Fisica Tecnica 9
ING-IND/31 Elettrotecnica 6
ING-IND/08 Macchine e Sistemi Energetici 9
MAT/09 Ricerca Operativa 6
ING-IND/12 Misure Meccaniche e Termiche 9
ING-IND/13 Meccanica Applicata e Progettazione 9
ING-IND/21 Tecnologie dei Materiali 6
ING-INF/04 Analisi e Modellistica dei Sistemi 6
TERZO ANNO
ING-IND/16 Tecnologie e Sistemi Produttivi 9
ING-IND/17 Impianti Meccanici 9
ING-IND/17 Logistica Industriale 6
ING-IND/35 Sistemi di Controllo di Gestione 9
A scelta dello studente 18
Tirocinio 9
Prova Finale 3

PRESENTAZIONE

Il corso di laurea in Ingegneria Industriale, indirizzo Gestionale, mira a formare un professionista apprezzato anche per la sua flessibilità. La figura dell’ingegnere gestionale è indispensabile in molte funzioni relative a qualsiasi realtà industriale: marketing, logistica, produzione, acquisti, servizi informatici, telerilevamento, risorse umane (per la mappatura di processi e procedure, la va lutazione del personale e la riprogettazione del sistema, soprattutto dal lato informatico). Le indagini svolte e i dati forniti dal mondo industriale hanno ampiamente dimostrato che una formazione ingegneristica orientata verso la capacità di affrontare e risolvere i problemi di gestione è tra le più richieste del momento.

OBIETTIVI

I laureati in Ingegneria Industriale, indirizzo Gestionale:
- sanno applicare i metodi della matematica e delle altre scienze di base;
- conoscono le diverse modalità di applicazione delle tecniche e degli strumenti per la progettazione di componenti, sistemi e processi;
- hanno le giuste conoscenze per svolgere esperimenti e analisi e per interpretare i dati;
- sanno applicare tecniche relazionali e decisionali;
- hanno nozioni relative all'innovativa applicazione dei velivoli a pilotaggio remoto nel settore logistico e del telerilevamento, con considerazioni anche di natura legislativa.

DIDATTICA

L'impostazione didattica del corso prevede che la formazione teorica sia accompagnata da esempi, applicazioni, lavori individuali e di gruppo. Accanto allo studio personale, assumono quindi notevole importanza anche:
- esercitazioni in aula virtuale;
- seminari;
- elaborazione di progetti individuali o di gruppo; Attività con valenza di tirocinio formativo completano il percorso accademico.

SBOCCHI

I principali ambiti lavorativi nei quali i laureati in Ingegneria Industriale, indirizzo Gestionale, possono inserirsi sono i seguenti:
- imprese manifatturiere;
- imprese di servizi e Pubblica Amministrazione per:
- l'approvvigionamento e la gestione dei materiali
- l'organizzazione azienda le e della produzione
- l'organizzazione e l'automazione dei sistemi produttivi
- la logistica
- il project management e il controllo di gestione
- l'analisi di settori industriali
- la valutazione degli investimenti
- società specializzate nella gestione di sistemi di rilevamento per applicazioni civili, industriali e scientifiche.

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
FIS/01 Fisica 12
ING-IND/35 Principi di Economia 6
MAT/05 Analisi Matematica 12
CHIM/07 Chimica Generale 6
ING-IND/15 Disegno Meccanico 6
MAT/03 Geometria 6
L-LIN/12 Lingua Inglese 3
ING-INF/05 Fondamenti di Informatica 6
SECONDO ANNO
ING-IND/10 Fisica Tecnica 9
ING-IND/31 Elettrotecnica 6
ING-IND/08 Macchine e Sistemi Energetici 9
ING-IND/11 Energetica 6
ING-IND/12 Misure Meccaniche e Termiche 9
ING-IND/13 Meccanica Applicata e Progettazione 9
ING-IND/21 Tecnologie dei Materiali 6
ING-IND/06 Fluidodinamica 6
TERZO ANNO
ING-IND/09 Progettazione dei Sistemi Energetici 9
ING-IND/09 Gestione dei Sistemi Energetici 6
ING-IND/10 Termotecnica e Climatizzazione 9
ING-IND/17 Impianti Meccanici 9
A scelta dello studente 18
Tirocinio 9
Prova Finale 3

PRESENTAZIONE

Il crescente fabbisogno di energia da parte di tutti gli operatori economici, l’aumento della produzione energetica, la riduzione del costo dell’energia, la costanza nelle forniture e nell’approvvigionamento, la sicurezza degli impianti energetici e del processo chimico, sono tutte tematiche che richiedono l’intervento di un laureato in Ingegneria Industriale, con indirizzo Energetico, che sia dotato di una cultura tecnico-scientifica adeguata e sia consapevole del fatto che la centralità delle problematiche energetiche non deriva da congiunture economiche ciclicamente sfavorevoli, ma dalla necessità di armonizzare la richiesta di energia con l’esigenza di controllare le risorse del pianeta e ridurre l’impatto ambientale .

OBIETTIVI

I laureati in Ingegneria Industriale, indirizzo Energetico:
- sanno applicare i metodi della matematica e delle altre scienze di base;
- conoscono le diverse modalità di applicazione delle tecniche e degli strumenti per la progettazione di componenti, sistemi e processi;
- possiedono competenze nel disegno meccanico, nella meccanica applicata alle macchine, nella fisica tecnica e nella meccanica dei fluidi;
- sono capaci di comprendere il funzionamento dei processi chimici e dei relativi impianti anche nel settore Oil & Gas;
- sanno gestire la manutenzione e gli interventi di miglioramento;
- sanno ottimizzare il funzionamento di impianti chimici e petrolchimici e dei relativi sottosistemi.

DIDATTICA

La formazione teorica è accompagnata da esempi, applicazioni, lavori individuali e di gruppo. Accanto allo studio personale, assumono quindi notevole importanza anche:
- esercitazioni in aula virtuale;
- seminari;
- elaborazione di progetti individuali o di gruppo;
- Attività con valenza di tirocinio formativo completano il percorso accademico.

SBOCCHI

Gli ambiti professionali tipici per questa figura sono quelli della progettazione, della direzione lavori e del collaudo di singoli organi o componenti di macchine e di impianti per la produzione, la trasmissione e la distribuzione dell'energia. Fra le attività che può svolgere rientrano anche i rilievi diretti e strumentali di parametri tecnici afferenti macchine e impianti. Il laureato in Ingegneria Industriale, indirizzo Energetico, può lavorare sia nella libera professione sia nelle imprese manifatturiere o di servizi e nelle amministrazioni pubbliche. I principali ambiti lavorativi nei quali i laureati in Ingegneria Industriale, indirizzo Energetico, possono inserirsi sono i seguenti:
- aziende municipali di servizi;
- enti pubblici e privati operanti nel settore dell'approvvigionamento energetico e/o nella conversione dell'energia;
- aziende produttrici di componenti di impianti elettrici e termotecnici;
- studi di progettazione in campo energetico, dell'impiantistica chimica o Oil&Gas;
- aziende ed enti civili e industriali in cui è richiesta la figura del responsabile dell'energia;
- società operanti nella manutenzione di impianti anche in ambienti ostili o pericolosi attraverso sistemi pilotati da remoto.

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
FIS/01 Fisica 12
ING-IND/35 Principi di Economia 6
MAT/05 Analisi Matematica 12
CHIM/07 Chimica Generale 6
ING-IND/15 Disegno Meccanico 6
MAT/03 Geometria 6
L-LIN/12 Lingua Inglese 3
ING-INF/05 Fondamenti di Informatica 6
SECONDO ANNO
ING-IND/10 Fisica Tecnica 9
ING-IND/31 Elettrotecnica 6
ING-IND/08 Macchine e Sistemi Energetici 9
CHIM/07 Chimica organica 6
ING-IND/12 Misure Meccaniche e Termiche 9
ING-IND/13 Meccanica Applicata e Progettazione 9
ING-IND/21 Tecnologie dei Materiali 6
ING-IND/24 Fenomeni di Trasporto 6
TERZO ANNO
ING-IND/25 Impianti Chimici 9
ING-IND/22 Analisi Strumentale e Controllo dei Materiali 6
ING-IND/14 Elementi Costruttivi delle Macchine 9
ING-IND/17 Impianti Meccanici 9
A scelta dello studente 18
Tirocinio 9
Prova Finale 3

PRESENTAZIONE

All’ingegnere industriale si offrono numerose e diversificate opportunità lavorative, che comprendono funzioni non solo strettamente tecniche, ma anche di tipo organizzativo e gestionale. Grazie alla preparazione ad ampio spettro sulle materie fondamentali, il laureato in ingegneria industriale godrà di un’ampia flessibilità e versatilità e potrà riconvertirsi facilmente all’evolvere del panorama tecnico produttivo.

OBIETTIVI

Al termine del percorso di studi lo studente consegue il titolo di Laurea in Ingegneria Industriale. Il titolo conseguito appartiene al primo ciclo della formazione universitaria, ha valore legale, consente la qualificazione di dottore e la possibilità di effettuare l'esame di stato per l'accesso all'albo B degli ingegneri.

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
MAT/05 Analisi Matematica 12
ING-INF/05 Fondamenti di Informatica 12
MAT/03 Complementi di Matematica 6
ING-IND/31 Elettrotecnica 9
FIS/01 Fisica 12
MAT/05 Analisi Numerica 6
L-LIN/12 Lingua Inglese 3
SECONDO ANNO
ING-INF/05 Calcolatori Elettronici e Sistemi Operativi 12
ING-INF/04 Modellistica e Simulazione 9
ING-INF/05 Basi di Dati 6
ING-INF/03 Segnali e Sistemi 9
ING-INF/04 Fondamenti di Automatica 9
ING-INF/05 Algoritmi e Strutture Dati 6
ING-INF/01 Elettronica dei Sistemi Digitali 9
TERZO ANNO
ING-INF/04 Automazione Industriale 6
ING-INF/03 Reti di Telecomunicazioni 6
MAT/09 Ricerca Operativa 6
ING-IND/12 Misure Meccaniche e Termiche 6
ING-INF/05 Ingegneria del Software 6
A scelta dello studente 18
Tirocinio 6
Prova Finale 6

PRESENTAZIONE

L’indirizzo Sistemi di Elaborazione e Controllo del corso di laurea in Ingegneria Informatica e dell’Automazione forma professionisti in grado di progettare, simulare, realizzare, gestire e manutenere sistemi, hardware e software complessi, ottenuti dall’integrazione del sistema da controllare con i dispositivi , le tecnologie e le metodologie tipiche della teoria del controllo, dell’informatica e delle telecomunicazioni in grado di garantire il corretto funzionamento del sistema controllato. Nel contesto produttivo italiano, caratterizzato da piccole e medie imprese operanti in diversi settori industriali, appaiono di grande interesse le opportunità di lavoro che i laureati in Ingegneria Informatica e dell’Automazione possono trovare sia nel comparto produttivo che in quello dei servizi di supporto e di consulenza.

OBIETTIVI

I laureati in Ingegneria Informatica e dell'Automazione, indirizzo Sistemi di Elaborazione e Controllo:
- sanno applicare i metodi della matematica e delle altre scienze di base;
- conoscono le diverse modalità di applicazione delle tecniche e degli strumenti per la progettazione di componenti, sistemi e processi;
- hanno le giuste conoscenze per svolgere esperimenti, condurre analisi e interpretare dati;
- sono in grado di progettare e comprendere il funzionamento dei sistemi di elaborazione , sia per gli aspetti hardware che software;
- sanno comprendere e descrivere il funzionamento di apparecchiature di impianti e di sistemi di produzione, anche industriali.

DIDATTICA

L'impostazione didattica del corso prevede che la formazione teorica sia accompagnata da esempi, applicazioni, lavori individuali e di gruppo. Accanto allo studio personale, assumono quindi notevole importanza anche:
- attività di laboratorio
- esercitazioni in aula telematica
- seminari
- preparazione di progetti individuali o di gruppo.
- Attività con valenza di tirocinio formativo completano il percorso accademico.

SBOCCHI

Il corso di laurea in Ingegneria Informatica e dell'Automazione, indirizzo Sistemi di Elaborazione e Controllo, consente l'acquisizione di competenze professionali necessarie per lavorare nei seguenti contesti:
- industrie informatiche operanti negli ambiti della produzione hardware e software;
- industrie per l'automazione industriale e la robotica;
- imprese operanti nell'area dei sistemi informativi e delle reti di calcolatori;
- imprese di servizi;
- servizi informatici della Pubblica Amministrazione;
- imprese di progettazione, produzione ed esercizio di apparati, sistemi e infrastrutture riguardanti l'acquisizione e il trasporto delle informazioni e la loro utilizzazione in applicazioni telematiche;
- imprese elettroniche, elettromeccaniche, spaziali, chimiche, aeronautiche in cui sono sviluppate funzioni di dimensionamento e di realizzazione di architetture complesse, di sistemi automatici, di processi e di impianti per l'automazione che integrino componenti informatici, apparati di misure, trasmissione e attuazione;
- imprese manifatturiere in generale, per la produzione, l'installazione, il collaudo, la manutenzione e la gestione di macchine, linee e reparti di produzione e sistemi complessi.

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
MAT/05 Analisi Matematica 12
MAT/07 Meccanica Razionale e Statica 9
ICAR/17 Disegno 6
CHIM/07 Chimica Applicata e Tecnologia dei Materiali 9
FIS/01 Fisica 9
MAT/03 Geometria Analitica 6
L-LIN/12 Lingua Inglese 3
ING-INF/05 Fondamenti di Informatica 6
SECONDO ANNO
ING-IND/11 Fisica Tecnica e Impianti Tecnici 9
ICAR/19 Principi di Restauro Architettonico 9
ICAR/02 Idraulica e Costruzioni Idrauliche 9
ICAR/08 Meccanica delle Strutture 9
GEO/05 Geologia Applicata 9
ICAR/10 Tecniche Costruttive 6
ICAR/07 Geotecnica e Fondazioni 9
TERZO ANNO
ICAR/09 Progetto di Strutture 12
ICAR/06 Topografia 9
ING-IND/35 Fondamenti di Ingegneria Economico-Gestionale 6
ICAR/09 Teoria e Progettazione dei Ponti 9
A scelta dello studente 12
Tirocinio 6
Prova Finale 6

PRESENTAZIONE

Il corso di laurea in Ingegneria Civile e Ambientale – indirizzo Paesaggistico, consente l’acquisizione delle competenze di base necessarie ad affrontare lo studio delle materie più applicative tipiche dell’ingegneria civile e ambientale con particolare attenzione agli aspetti legati al paesaggio. Gli insegnamenti specifici dell’indirizzo Paesaggistico forniscono conoscenze approfondite che riguardano la progettazione del territorio, la bonifica del territorio, le valutazioni ambientali e la sostenibilità del progetto.

OBIETTIVI

I laureati in Ingegneria Civile e Ambientale indirizzo Paesaggistico:
- acquisiscono un'adeguata conoscenza dei metodi della matematica e delle altre scienze di base;
- sono in grado di utilizzare le tecniche e gli strumenti per la progettazione urbana;
- sono in grado di applicare i processi di controllo ambientale e per la tutela del paesaggio;
- hanno gli strumenti per poter valutare l'impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e fisico ambientale;
- sono in grado di comunicare informazioni, problemi e soluzioni a interlocutori specialisti e non specialisti;
- acquisiscono adeguate conoscenze riguardo i contesti aziendali e la cultura d'impresa nei suoi aspetti economici, gestionali e organizzativi.

DIDATTICA

Il corso di laurea è strutturato in modo da fornire agli studenti specifiche capacità di applicazione delle conoscenze apprese. Oltre all'insegnamento dei fondamenti teorici prevede infatti:
- seminari
- indagini bibliografiche e sitografiche
- elaborazione di progetti ed esercitazioni
- analisi di materiali e prodotti audiovisivi
- lavori di gruppo.
- Attività con valenza di tirocinio formativo completano il percorso accademico.

SBOCCHI

Il corso di laurea in Ingegneria Civile e Ambientale, indirizzo Paesaggistico, consente l'acquisizione di competenze professionali necessarie per operare nei seguenti contesti:
- libera professione
- studi professionali e società di progettazione di opere, impianti e infrastrutture
- uffici pubblici di progettazione, pianificazione, gestione e controllo di sistemi urbani e territoriali
- aziende, enti, consorzi e agenzie di gestione e controllo ambientale e per la tutela del paesaggio
- società di servizi per lo studio di fattibilità dell'impatto urbano e territoriale delle infrastrutture.

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
MAT/05 Analisi Matematica 12
MAT/07 Meccanica Razionale e Statica 9
ICAR/20 Tecniche di Rappresentazione 6
CHIM/07 Chimica Applicata e Tecnologia dei Materiali 9
FIS/01 Fisica 9
MAT/03 Geometria Analitica 6
L-LIN/12 Lingua Inglese 3
ING-INF/05 Fondamenti di Informatica 6
SECONDO ANNO
ING-IND/11 Fisica Tecnica e Impianti Tecnici 9
ICAR/19 Principi di Restauro Architettonico 9
ICAR/02 Idraulica e Costruzioni Idrauliche 9
ICAR/08 Meccanica delle Strutture 9
ICAR/20 Tecnica e Pianificazione Urbanistica 6
GEO/05 Geologia Applicata 9
ICAR/07 Geotecnica e Fondazioni 9
TERZO ANNO
BIO/07 Ecologia 9
ICAR/09 Progetto di Strutture 12
ICAR/06 Geomatica 9
ING-IND/35 Fondamenti di Ingegneria Economico-Gestionale 6
A scelta dello studente 12
Tirocinio 6
Prova Finale 6

PRESENTAZIONE

Il corso di laurea in Ingegneria Civile e Ambientale – indirizzo Paesaggistico, consente l’acquisizione delle competenze di base necessarie ad affrontare lo studio delle materie più applicative tipiche dell’ingegneria civile e ambientale con particolare attenzione agli aspetti legati al paesaggio. Gli insegnamenti specifici dell’indirizzo Paesaggistico forniscono conoscenze approfondite che riguardano la progettazione del territorio, la bonifica del territorio, le valutazioni ambientali e la sostenibilità del progetto.

OBIETTIVI

I laureati in Ingegneria Civile e Ambientale indirizzo Paesaggistico:
- acquisiscono un'adeguata conoscenza dei metodi della matematica e delle altre scienze di base;
- sono in grado di utilizzare le tecniche e gli strumenti per la progettazione urbana;
- sono in grado di applicare i processi di controllo ambientale e per la tutela del paesaggio;
- hanno gli strumenti per poter valutare l'impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e fisico ambientale;
- sono in grado di comunicare informazioni, problemi e soluzioni a interlocutori specialisti e non specialisti;
- acquisiscono adeguate conoscenze riguardo i contesti aziendali e la cultura d'impresa nei suoi aspetti economici, gestionali e organizzativi.

DIDATTICA

Il corso di laurea è strutturato in modo da fornire agli studenti specifiche capacità di applicazione delle conoscenze apprese. Oltre all'insegnamento dei fondamenti teorici prevede infatti:
- seminari
- indagini bibliografiche e sitografiche
- elaborazione di progetti ed esercitazioni
- analisi di materiali e prodotti audiovisivi
- lavori di gruppo.
- Attività con valenza di tirocinio formativo completano il percorso accademico.

SBOCCHI

Il corso di laurea in Ingegneria Civile e Ambientale, indirizzo Paesaggistico, consente l'acquisizione di competenze professionali necessarie per operare nei seguenti contesti:
- libera professione
- studi professionali e società di progettazione di opere, impianti e infrastrutture
- uffici pubblici di progettazione, pianificazione, gestione e controllo di sistemi urbani e territoriali
- aziende, enti, consorzi e agenzie di gestione e controllo ambientale e per la tutela del paesaggio
- società di servizi per lo studio di fattibilità dell'impatto urbano e territoriale delle infrastrutture.

PIANO DI STUDI

border="1" cellspacing="10" cellpadding="10"
I Anno di Corso
SSD Esame CFU
FIS/01 Fisica 12
ING-INF/05 Fondamenti Di Informatica 12
MAT/03 Complementi di Matematica 6
MAT/05 Analisi Matematica 12
MAT/05 Analisi Numerica (mutua Su L7) 6
ING-IND/31 Elettrotecnica 9
L-LIN/12 Lingua Straniera: Lingua Inglese 3
II Anno di Corso
ING-INF/05 Internet Of Things 9
ING-INF/04 Fondamenti Di Automatica (mutua Su L9) 9
ING-INF/05 Calcolatori Elettronici e Sistemi Operativi 12
ING-INF/05 Interfacciamento Utente E App 9
ING-INF/05 Algoritmi E Strutture Dati 6
ING-INF/05 Programmazione Di App I 6
ING-INF/01 Elettronica Dei Sistemi Digitali 9
III Anno di Corso
ING-INF/04 Automazione Industriale (mutua Su L9) 6
ING-INF/02 Compatibilita' Elettromagnetica 6
MAT/09 Ricerca Operativa 6
ING-INF/05 Programmazione Di App II 6
ING-IND/12 Misure Meccaniche E Termiche 6
A scelta dello studente 18
Tirocinio 6
Prova Finale 6
Insegnamento a scelta dello studente (terzo anno)
ING-IND/15 Computer Aided Design (mutua Da L9) 9
ING-INF/05 Sistemi Esperti E Soft Computing 9
ING-IND/10 Fisica Tecnica 9
ING-INF/01 Sistemi Elettronici Per Le Misure 9
SECS-P/07 Economia E Gestione Aziendale 9

PRESENTAZIONE

Il percorso di studi in Ingegneria Informatica e delle App forma professionisti in grado di progettare, simulare, realizzare, gestire e manutenere sistemi informatici e di controllo automatico nonché abili sviluppatori e integratori di soluzioni hardware e software abilitanti l’Internet del futuro (Future Internet), quali Internet of Things, smart cities e smart grids. Nel contesto produttivo italiano, caratterizzato da piccole e medie imprese operanti in diversi settori industriali, appaiono di grande interesse le opportunità di lavoro che i laureati in Ingegneria Informatica e dell’Automazione possono trovare, sia nel comparto produttivo che in quello dei servizi di supporto e di consulenza.

OBIETTIVI

I laureati in Ingegneria Informatica e delle App:
- sanno applicare i metodi della matematica e delle altre scienze di base;
- conoscono le diverse modalità di applicazione delle tecniche e degli strumenti per la progettazione di componenti, sistemi e processi;
- hanno le giuste conoscenze per svolgere esperimenti, condurre analisi e interpretare dati;
- sono in grado di progettare e comprendere il funzionamento dei sistemi di elaborazione , sia per gli aspetti hardware che software;
- hanno acquisito competenze nel campo della progettazione e implementazione di applicazioni su dispositivi mobili e del loro impiego nell'ambito del Future Internet.

DIDATTICA

L'impostazione didattica del corso prevede che la formazione teorica sia accompagnata da esempi, applicazioni, lavori individuali e di gruppo. Accanto allo studio personale assumono quindi notevole importanza anche :
- esercitazioni in aula telematica
- seminari
- preparazione di progetti individuali o di gruppo.
- Attività con valenza di tirocinio formativo completano il percorso accademico.

SBOCCHI

Il corso di laurea in Ingegneria Informatica e dell'Automazione , indirizzo Ingegneria Informatica e delle App, consente l'acquisizione di competenze professionali necessarie per lavorare nei seguenti contesti:
- industrie informatiche operanti negli ambiti della produzione hardware e software;
- industrie per l'automazione industriale e la robotica;
- imprese operanti nell'area dei sistemi informativi e delle reti di calcolatori;
- imprese di servizi;
- servizi informatici della Pubblica Amministrazione;
- imprese di progettazione, produzione ed esercizio di apparati, sistemi e infrastrutture riguardanti l'acquisizione e il trasporto delle informazioni e la loro utilizzazione in applicazioni telematiche;
- imprese di progettazione e di realizzazione di applicazioni per dispositivi mobili.

PIANO DI STUDI

I Anno di Corso
SSD Esame CFU
FIS/01 Fisica 12
ING-INF/05 Fondamenti Di Informatica 12
MAT/03 Complementi di Matematica 6
MAT/05 Analisi Matematica 12
MAT/05 Analisi Numerica (mutua Su L7) 6
ICAR/06 Telerilevamento da Droni 9
L-LIN/12 Lingua Straniera: Lingua Inglese 3
II Anno di Corso
ING-INF/05 Internet Of Things 9
ING-INF/04 Fondamenti Di Automatica (mutua Su L9) 9
ING-INF/05 Calcolatori Elettronici e Sistemi Operativi 12
ING-INF/03 Segnali e Sistemi 9
ING-INF/05 Algoritmi E Strutture Dati 6
ING-INF/04 Modellistica e Simulazione 9
ING-IND/15 Strumenti per la progettazione di UAV (mutua su L9) 6
III Anno di Corso
ING-INF/04 Automazione Industriale (mutua Su L9) 6
ING-INF/02 Compatibilita' Elettromagnetica 6
MAT/09 Ricerca Operativa 6
ING-INF/05 Controllo e Programmazione di sistemi aeromobili a pilotaggio remoto 6
ING-IND/12 Misure Meccaniche E Termiche 6
A scelta dello studente 18
Tirocinio 6
Prova Finale 6
Insegnamento a scelta dello studente (terzo anno)
ING-IND/15 Computer Aided Design (mutua Da L9) 9
ING-INF/05 Sistemi Esperti E Soft Computing 9
ING-IND/10 Fisica Tecnica 9
ING-INF/01 Sistemi Elettronici Per Le Misure 9
SECS-P/07 Economia E Gestione Aziendale 9
ING-IND/12 Sensoristica per UAV 9

PRESENTAZIONE

L’indirizzo Droni del corso di laurea in Ingegneria Informatica e dell’Automazione forma professionisti in grado di progettare, simulare, realizzare, gestire e manutenere sistemi hardware e software complessi ottenuti dall’integrazione del sistema da controllare con i dispositivi, i modelli, le tecnologie e le metodologie tipiche della teoria del controllo, dell’informatica, dell’ottimizzazione e delle telecomunicazioni in grado di garantire il corretto funzionamento del sistema controllato. In particolare in questo percorso formativo sono approfonditi la conoscenza, la progettazione e l’utilizzo dei Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (SAPR), comunemente chiamati droni o Unmanned Aerial Vehicle (UAV). Nel contesto produttivo italiano, caratterizzato da piccole e medie imprese operanti in diversi settori industriali, appaiono di grande interesse le opportunità di lavoro che i laureati in Ingegneria Informatica e dell’Automazione possono trovare sia nel comparto produttivo sia in quello dei servizi di supporto e di consulenza.

OBIETTIVI

I laureati in Ingegneria Informatica e dell’Automazione, indirizzo Droni:
- sanno applicare i metodi della matematica e delle altre scienze di base;
- conoscono le diverse modalità di applicazione delle tecniche e degli strumenti per la progettazione di componenti, sistemi e processi;
- hanno le giuste conoscenze per svolgere esperimenti, condurre analisi e per interpretare i dati (dalla misura all’elaborazione dei segnali);
- sono in grado di progettare e comprendere il funzionamento dei sistemi di elaborazione, sia per gli aspetti hardware che software;
- hanno acquisito competenze nel campo dello sviluppo e dell’applicazione di sistemi UAV.

DIDATTICA

L’impostazione didattica del corso prevede che la formazione teorica sia accompagnata da esempi, applicazioni, lavori individuali e di gruppo. Accanto allo studio personale, assumono quindi notevole importanza anche:
- esercitazioni in aula telematica;
- seminari;
- preparazione di progetti individuali o di gruppo.
- Attività con valenza di tirocinio formativo completano il percorso accademico.

SBOCCHI

Il corso di laurea in Ingegneria Informatica e dell’Automazione, indirizzo Droni, consente l’acquisizione di competenze professionali necessarie per lavorare nei seguenti contesti:
- industrie informatiche operanti negli ambiti della produzione hardware e software;
- industrie per l’automazione industriale e la robotica; › imprese operanti nell’area dei sistemi informativi e delle reti di calcolatori;
- imprese di servizi;
- servizi informatici della Pubblica Amministrazione; › imprese di progettazione, produzione ed esercizio di apparati, sistemi e infrastrutture riguardanti l’acquisizione e il trasporto delle informazioni e la loro utilizzazione in applicazioni telematiche;
- imprese di progettazione e realizzazione di applicazioni per dispositivi mobili;
- imprese di progettazione e realizzazione di sistemi di sicurezza che vanno dalla videosorveglianza alle più speci che attività di monitoraggio, prevenzione, investigazione e vigilanza.

lauree magistrali

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
ING-IND/12 Misure per il Controllo di Qualità 9
ING-IND/14 Progettazione e Costruzioni Meccaniche 9
ING-IND/15 Tecniche Virtuali di Progettazione 9
ING-IND/16 Sistemi Integrati di Produzione 9
ING-IND/11 Energetica Ambientale 9
ING-IND/21 Fondamenti di Metallurgia 6
A scelta dello studente 6
SECONDO ANNO
ING-IND/16 Studi di Fabbricazione 9
ING-IND/35 Gestione Aziendale 9
ING-IND/35 Strategia d'Impresa e Organizzazione Industriale 9
ING-IND/17 Progettazione di Impianti 9
A scelta dello studente 6
Tirocinio 3
Prova Finale 18

PRESENTAZIONE

Il percorso di studi magistrale in Ingegneria Industriale indirizzo Progettuale Meccanico forma un ingegnere industriale con un’approfondita conoscenza delle tematiche proprie che caratterizzano questo ambito. Le competenze degli ingegneri industriali con indirizzo Progettuale Meccanico riguardano la progettazione e l’innovazione di prodotti e di processi industriali, anche di elevata complessità tecnologica e impiantistica, nonché la gestione, la manutenzione e l’organizzazione di macchine, sistemi e impianti.

OBIETTIVI

I laureati in Ingegneria Industriale a indirizzo Progettuale Meccanico:
- sono in grado di ideare, pianificare, progettare e gestire sistemi, processi e servizi complessi e/o innovativi
- sono in grado di progettare e gestire esperimenti di elevata complessità
- conoscono i più avanzati criteri progettuali, con particolare riguardo alle tematiche meccanico costruttive
- conoscono, oltre alle principali problematiche tecniche e scientifiche, anche quelle legate alla sicurezza, all'interazione con l'uomo, all'economia e all'impatto ambientale e sociale

DIDATTICA

L'impostazione didattica comune a tutti gli insegnamenti prevede che la formazione teorica sia accompagnata da esemplificazioni, applicazioni, lavori individuali e di gruppo, verifiche che sollecitino la partecipazione attiva, l'attitudine propositiva e la capacità di elaborazione autonoma. A completamento del percorso formativo, lo studente svolgerà un tirocinio, preferibilmente, in ambito industriale e un impegnativo lavoro di tesi durante il quale, sotto la guida di un docente, dovrà realizzare un progetto oppure condurre uno studio su argomenti di frontiera dell'ingegneria, svolgendo attività di modellazione teorica o numerica e attività sperimentali di laboratorio.

SBOCCHI

L'ingegnere magistrale sarà in grado di operare in un ventaglio estremamente ampio di attività e risulta immediatamente inseribile nel tessuto aziendale, nel settore pubblico e, dopo aver acquisito l'abilitazione, nella libera professione. Una volta acquisita una sufficiente maturità professionale, può inoltre assumere incarichi direttivi in aziende, società di servizi ed enti pubblici. I principali sbocchi occupazionali sono nelle industrie meccaniche ed elettromeccaniche, nelle aziende e negli enti per la conversione dell'energia, nelle imprese impiantistiche, nelle industrie per l'automazione e la robotica, nelle imprese manifatturiere in generale, per la produzione, l'installazione e il collaudo, la manutenzione e la gestione di macchine, linee e reparti di produzione e sistemi complessi.

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
ING-IND/08 Progettazione di Macchine 9
ING-IND/10 Progettazione Termotecnica 9
ING-IND/12 Misure per il Controllo di Qualità 9
ING-IND/06 Aerodinamica e Gasdinamica 9
ING-IND/11 Energetica Ambientale 9
ING-IND/31 Reti e Impianti Elettrici 6
A scelta dello studente 6
SECONDO ANNO
ING-IND/14 Progettazione Meccanica 9
ING-IND/17 Progettazione di Impianti 9
ING-IND/35 Strategia d'Impresa e Organizzazione Industriale 9
ING-IND/09 Pianificazione Energetica Sostenibile 9
A scelta dello studente 6
Tirocinio 3
Prova Finale 18

PRESENTAZIONE

L’indirizzo Termomeccanico del corso di laurea di Ingegneria Industriale mira a formare un ingegnere capace di operare nell’ambito della progettazione, della produzione meccanica e della gestione di macchine, impianti e sistemi produttivi, e di valutare le interazioni con gli aspetti ambienta li, economici e normativi, anche con riferimento al risparmio energetico.

OBIETTIVI

I laureati in Ingegneria Industriale a indirizzo Termomeccanico sono in grado di:
- ideare, pianificare, progettare e gestire sistemi, processi e servizi complessi e/o innovativi
- scegliere e applicare metodi analitici e di modellazione relativi a processi energetici caratterizzati da un livello di elevata complessità
- effettuare valutazioni legate al risparmio energetico

DIDATTICA

L'impostazione didattica comune a tutti gli insegnamenti prevede che la formazione teorica sia accompagnata da esemplificazioni, applicazioni, lavori individuali e di gruppo, verifiche che sollecitino la partecipazione attiva, l'attitudine propositiva e la capacità di elaborazione autonoma. A completamento del percorso formativo, lo studente svolgerà un tirocinio, preferibilmente in ambito industriale, e un impegnativo lavoro di tesi durante il quale, sotto la guida di un docente, dovrà realizzare un progetto oppure condurre uno studio su argomenti di frontiera dell'ingegneria, svolgendo attività di modellazione teorica o numerica e attività sperimentali di laboratorio.

SBOCCHI

Il laureato magistrale è in grado di operare in un ventaglio estremamente ampio di attività e risulta immediatamente inseribile nel tessuto azienda le, nel settore pubblico e, dopo aver acquisito l'abilitazione, nella libera professione. Una volta acquisita una sufficiente maturità professionale, può inoltre assumere incarichi direttivi in aziende, società di servizi ed enti pubblici. I principali sbocchi occupazionali sono nelle industrie meccaniche ed elettromeccaniche, nelle aziende e negli enti per la conversione dell'energia, nelle imprese impiantistiche, nelle industrie per l'automazione e la robotica, nelle imprese manifatturiere in generale, per la produzione, l'installazione e il collaudo, la manutenzione e la gestione di macchine, linee e reparti di produzione e sistemi complessi.

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
SECS-P/06 Sistemi di Gestione e Organizzazione Aziendale 9
MAT/09 Ricerca Operativa 2 6
ING-INF/04 Metodi e Tecnologie di Simulazione 12
ING-INF/05 Linguaggi di Programmazione 12
ING-INF/04 Sistemi di Controllo Distribuiti 9
ING-INF/05 Interfacce Uomo-Macchina 6
A scelta dello studente 6
SECONDO ANNO
ING-INF/04 Strumentazione per l'Automazione 9
ING-INF/05 Sicurezza Informatica 9
ING-INF/04 Sistemi di Controllo Avanzati 9
ING-INF/05 Data Mining 9
A scelta dello studente 6
Tirocinio 3
Prova Finale 15

PRESENTAZIONE

Il corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica e dell’Automazione mira a costruire una figura professionale di alto profilo in grado di utilizzare l’ampio spettro di conoscenze per interpretare, descrivere e risolvere, anche in modo innovativo, problemi dell’ingegneria informatica e dell’automazione. Il laureato magistrale deve essere dotato di una approfondita preparazione e di una vasta cultura scientifica, per poter interagire con gli specialisti di tutti i settori dell’ingegneria e dell’area economico-gestionale di qualunque impresa o istituzione, sia essa pubblica o privata.

OBIETTIVI

I laureati in Ingegneria Informatica e dell'Automazione:
- conoscono approfonditamente gli aspetti teorico scientifici della matematica e delle altre scienze di base
- sono capaci di utilizzare le conoscenze per interpretare e descrivere problemi dell'ingegneria complessi o che richiedono un approccio interdisciplinare
- conoscono approfonditamente gli aspetti teorico scientifici dell'ingegneria, sia in generale sia in modo approfondito, relativamente a quelli dell'ingegneria dell'automazione e dell'informatica - sono capaci di ideare, pianificare, progettare e gestire sistemi, processi e servizi complessi e/o innovativi
- sono capaci di progettare e gestire esperimenti di elevata complessità
- sono dotati di conoscenze applicative e di capacità trasversali
- conoscono il campo dell'organizzazione aziendale e dell'etica professionale

DIDATTICA

L'impostazione didattica comune a tutti gli insegnamenti prevede che la formazione teorica sia accompagnata da esemplificazioni, applicazioni, lavori individuali e di gruppo, verifiche che sollecitino la partecipazione attiva, l'attitudine propositiva, la capacità di elaborazione autonoma, di comunicazione dei risultati del lavoro svolto e di generalizzazione delle conoscenze acquisite, in modo tale da poter affrontare e risolvere autonomamente i problemi posti dall'innovazione. Le capacità di giudizio autonomo, maturate durante tutto il percorso di studi nei singoli insegnamenti, trovano un momento di consolidamento e verifica nello svolgimento di un tirocinio presso dipartimenti universitari, aziende o enti di ricerca pubblici e privati.

SBOCCHI

I principali sbocchi occupazionali di questo corso di laurea sono nei campi dell'innovazione e dello sviluppo della produzione, della progettazione avanzata, della pianificazione e della programmazione, della gestione di sistemi complessi, sia nella libera professione che nelle imprese manifatturiere o di servizi e nelle amministrazioni pubbliche. I laureati magistrali possono trovare occupazione in imprese elettroniche, elettromeccaniche, spaziali, chimiche, aeronautiche e di telecomunicazioni, nonché lavorare nell'ambito della sicurezza informatica, dell'analisi di grandi quantità di dati e della progettazione di sistemi sicuri ed efficienti per il controllo di qualunque tipo di rete.

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
ICAR/01 Idraulica Marittima e Costiera 9
ICAR/02 Progettazioni Idrauliche 6
ICAR/07 Progettazione di Opere Geotecniche 9
ICAR/08 Teorie delle Strutture 9
ICAR/09 Complementi di Progetto di Strutture 9
ICAR/10 Progettazione per il Recupero Edile 9
ICAR/09 Riabilitazione Strutturale 9
SECONDO ANNO
GEO/05 Idrogeologia Applicata 6
ING-IND/25 Chimica Ambientale 6
ICAR/05 Teoria dei Sistemi di Trasporto 6
ICAR/04 Progettazione di Strade 9
A scelta dello studente 9
Tirocinio 6
Prova Finale 18

PRESENTAZIONE

Il corso magistrale in Ingegneria Civile ha lo scopo di formare figure professionali molto qualificate e richieste dal mondo del lavoro, sia in ambito nazionale che internazionale, ossia ingegneri con un elevato livello di specializzazione, in grado di ricoprire ruoli tecnici e tecnico-organizzativi nei diversi contesti lavorativi tipici dell’ingegneria Civile e Ambientale, quali pubbliche amministrazioni, industrie, libera professione.

OBIETTIVI

I laureati in Ingegneria Civile e Ambientale:
- conoscono approfonditamente gli aspetti teorico scientifici della matematica e delle altre scienze di base
- sanno identificare, formulare e risolvere, anche in modo innovativo, problemi complessi o che richiedono un approccio interdisciplinare
- sanno ideare, pianificare, progettare e gestire sistemi costruttivi, processi e servizi complessi ed eventualmente innovativi
- sono in grado di progettare e gestire esperimenti di elevata complessità
- sono dotati di conoscenze contestuali e capacità trasversali
- conoscono la cultura d'impresa e l'etica professionale

DIDATTICA

Il corso fornisce agli studenti gli strumenti per formalizzare e risolvere i problemi tipici dell'ingegneria Civile e Ambientale con un livello di approfondimento superiore a quello consentito dalle conoscenze tipiche dei corsi di I livello. L'impianto didattico persegue i seguenti obiettivi.
- Fornire un'ampia preparazione specialistica sulla sicurezza delle strutture e delle infrastrutture attraverso corsi orientati alla progettazione avanzata di: opere geotecniche; strutture di opere civili anche di notevole complessità e costruite in zona sismica, incluse le strutture di fondazione; interventi di miglioramento e adeguamento sismico, di consolidamento e rinforzo delle strutture delle costruzioni esistenti, anche con tecniche e materiali innovativi; sistemi e infrastrutture di trasporto, opere idrauliche di difesa e per l'utilizzazione e lo sfruttamento delle risorse idriche.
- Rendere gli studenti in grado di risolvere problemi che richiedono conoscenze interdisciplinari con particolare riferimento a tematiche di grande attualità, quali ad esempio la conservazione dei beni architettonici e monumentali.
- Rendere gli studenti in grado di utilizzare strumenti per il calcolo automatico e la progettazione assistita delle strutture e delle infrastrutture, fornendo nel contempo ad essi la conoscenza dei fenomeni fisici necessaria all'applicazione di metodi speditivi per il controllo e la formulazione di un giudizio critico sui risultati. Gli studenti completano il percorso formativo mediante un tirocinio presso studi di progettazione, imprese di costruzioni, enti pubblici e un impegnativo lavoro di tesi, durante il quale l'allievo, sotto la guida di un docente, deve realizzare un progetto oppure condurre uno studio su argomenti di frontiera dell'ingegneria Civile e Ambienta le, svolgendo attività di modellazione teorica o numerica e attività sperimentali in laboratorio.

SBOCCHI

I laureati in Ingegneria Civile e Ambientale possono inserirsi nel mondo del lavoro come liberi professionisti o come dipendenti di elevato livello nelle Pubbliche Amministrazioni, nelle imprese, nelle società di servizi e nelle industrie operanti nel settore della produzione di materiali e manufatti per l'edilizia. In particolare, i laureati magistrali possono assumere ruoli di più alto livello tecnico e di maggiore responsabilità rispetto ai laureati triennali. Possono affrontare, inoltre, tematiche progettuali e di controllo avanzate, anche di notevole complessità, e occuparsi della gestione e della manutenzione di opere civili e infrastrutture.

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
ING-IND/08 Progettazione di Macchine 9
ING-IND/13 Progettazione Funzionale 9
ING-IND/14 Progettazione Meccanica 9
ING-IND/15 Tecniche Virtuali di Progettazione 9
ING-IND/16 Studi di Fabbricazione 9
ICAR/08 Meccanica del Continuo 6
A scelta dello studente 6
SECONDO ANNO
ING-IND/21 Metallurgia Meccanica 9
ING-IND/21 Materiali Metallici 9
ING-IND/17 Progettazione di Impianti 9
ING-IND/35 Strategia d'Impresa e Organizzazione Industriale 9
A scelta dello studente 6
Tirocinio 3
Prova Finale 18

PRESENTAZIONE

Il percorso di studi Progettuale Meccanico forma un ingegnere industriale con un’approfondita conoscenza delle tematiche proprie che caratterizzano questo ambito. Le competenze degli ingegneri industriali con indirizzo Progettuale Meccanico riguardano la progettazione e l’innovazione di prodotti e di processi industriali, anche di elevata complessità tecnologica e impiantistica, nonché la gestione, la manutenzione e l’organizzazione di macchine, sistemi e impianti.

SBOCCHI

L’ingegnere magistrale è in grado di operare in un ventaglio estremamente ampio di attività e risulta immediatamente inseribile nel tessuto aziendale, nel settore pubblico e, dopo aver acquisito l’abilitazione, nella libera professione. Una volta acquisita una sufficiente maturità professionale, può inoltre assumere incarichi direttivi in aziende, società di servizi ed enti pubblici. I principali sbocchi occupazionali sono nelle industrie meccaniche ed elettromeccaniche, nelle aziende e negli enti per la conversione dell’energia, nelle imprese impiantistiche, nelle industrie per l’automazione e la robotica, nelle imprese manifatturiere in generale, per la produzione, l’installazione e il collaudo, la manutenzione e la gestione di macchine, linee e reparti di produzione e sistemi complessi.