FACOLTÁ di LETTERE

Le università telematiche o università on-line, sono dei veri e propri enti universitari, che grazie al sistema di studio: metodo e-learning (l’apprendimento telematico) ti permette di seguire le lezioni online e i materiali, reperibili per ogni insegnamento, sono disponibili sulla piattaforma internet dell’università scelta. Ogni studente ha un proprio tutor che lo segue durante l’intero corso di studi e gli esami sono svolti nelle sedi dell’università (la maggior parte delle volte decentrale su tutto il territorio italiano).
I CORSI DI LAUREA EVIDENZIATI IN BLU SONO CONSIGLIATE PER LA FORMAZIONE PENITENZIARIA

lauree triennali

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
L-FIL-LET/14 Critica Letteraria e Letterature Comparate 6
Abilità Informatiche e Telematiche 3
Un insegnamento a scalta tra:
M-STO/04 Storia Contemporanea 1 6
L-OR/23 Storia dell'Asia Orientale 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-LIN/04 Lingua e Traduzione Francese 1 12
L-LIN/12 Lingua e Traduzione Inglese 1 12
L-LIN/07 Lingua e Traduzione Spagnola 1 12
L-LIN/14 Lingua e Traduzione Tedesca 1 12
Un insegnamento a scalta tra:
L-LIN/04 Lingua e Traduzione Francese 1 9
L-LIN/12 Lingua e Traduzione Inglese 1 9
L-LIN/07 Lingua e Traduzione Spagnola 1 9
L-LIN/14 Lingua e Traduzione Tedesca 1 9
L-LIN/21 Lingua e Traduzione Russa 1 9
L-OR/12 Lingua e Traduzione Araba 1 9
L-OR/21 Lingua e Traduzione Cinese 1 9
Un insegnamento a scalta tra:
L-OR/12 Filologia Araba 1-2 12
L-OR/21 Filologia Cinese 1-2 12
L-LIN/21 Filologia Slava 1-2 12
L-FIL-LET/09 Filologia e Linguistica Romanza 1-2 12
L-FIL-LET/15 Filologia Germanica 1-2 12
Due insegnamentoi a scalta tra:
L-LIN/03 Letteratura Francese 1 6
L-LIN/10 Letteratura Inglese 1 6
L-LIN/05 Letteratura Spagnola 1 6
L-LIN/13 Letteratura Tedesca 1 6
L-LIN/21 Letteratura Russa 1 6
L-OR/12 Letteratura Araba 1 6
L-OR/21 Letteratura Cinese 1 6
SECONDO ANNO
L-LIN/01 Linguistica Generale 6
Due insegnamenti a scalta tra:
L-LIN/04 Lingua e Traduzione Francese 2 12
L-LIN/12 Lingua e Traduzione Inglese 2 12
L-LIN/07 Lingua e Traduzione Spagnola 2 12
L-LIN/14 Lingua e Traduzione Tedesca 2 12
L-LIN/21 Lingua e Traduzione Russa 2 12
L-OR/12 Lingua e Traduzione Araba 2 12
L-OR/21 Lingua e Traduzione Cinese 2 12
Due insegnamenti a scalta tra:
L-LIN/03 Letteratura Francese 2 12
L-LIN/10 Letteratura Inglese 2 12
L-LIN/05 Letteratura Spagnola 2 12
L-LIN/13 Letteratura Tedesca 2 12
L-LIN/21 Letteratura Russa 2 12
L-OR/12 Letteratura Araba 2 12
L-OR/21 Letteratura Cinese 2 12
Un insegnamento a scalta tra:
L-FIL-LET/09 Filologia e Linguistica Romanza 1 6
L-FIL-LET/15 Filologia Germanica 1 6
L-FIL-LET/09 Filologia e Linguistica Romanza 3 6
L-FIL-LET/15 Filologia Germanica 3 6
L-OR/12 Filologia Araba 1 6
L-OR/21 Filologia Cinese 1 6
L-LIN/21 Filologia Slava 1 6
L-OR/07 Filologia Araba 3 6
L-OR/21 Filologia Cinese 3 6
L-LIN/21 Filologia Slava 3 6
TERZO ANNO
L-FIL-LET/12 Linguistica Italiana 6
Due insegnamenti a scalta tra:
L-LIN/04 Lingua e Traduzione Francese 3 6
L-LIN/12 Lingua e Traduzione Inglese 3 6
L-LIN/07 Lingua e Traduzione Spagnola 3 6
L-LIN/14 Lingua e Traduzione Tedesca 3 6
L-LIN/21 Lingua e Traduzione Russa 3 6
L-OR/12 Lingua e Traduzione Araba 3 6
L-OR/21 Lingua e Traduzione Cinese 3 6
Due insegnamenti a scalta tra:
L-LIN/03 Letteratura Francese 3 6
L-LIN/10 Letteratura Inglese 3 6
L-LIN/05 Letteratura Spagnola 3 6
L-LIN/13 Letteratura Tedesca 3 6
L-LIN/21 Letteratura Russa 3 6
L-OR/12 Letteratura Araba 3 6
L-OR/21 Letteratura Cinese 3 6
Un insegnamento a scalta tra:
M-DEA/01 Antropologia Culturale 6
L-OR/23 Storia dell'Asia Orientale 6
M-STO/04 Storia Contemporanea 1 6
L-FIL-LET/10 Letteratura Italiana 1 6
A scelta dello studente 12
Tirocinio 6
Prova finale 6

PRESENTAZIONE

Il corso di laurea in Lingue e Culture Europee e del Resto del Mondo si propone di formare laureati con competenze di alto livello in due aree linguistico-culturali a forte vocazione globale: almeno una europea (fra inglese, spagnolo, francese e tedesco) e una seconda europea oppure extra-europea a scelta tra russo, cinese e arabo. Il corso prevede insegnamenti di storia, letteratura e linguistica in un impianto formativo orientato al superamento del nazionalismo metodologico nell’approccio ai fenomeni culturali.

OBIETTIVI

I laureati in Lingue e Culture Europee e del Resto del Mondo:
- hanno una solida formazione teorica di base in linguistica e letteratura;
- possiedono la padronanza scritta e orale di almeno due lingue oltre l'italiano, nonché del patrimonio culturale delle civiltà di cui sono espressione, e una eventuale sufficiente competenza scritta e orale in una terza lingua;
- sanno esprimersi nelle lingue studiate a un livello B2/ C1 (la differenziazione varia alla luce delle opzioni linguistiche) nell'ambito del Quadro Comune Europeo di Riferimento;
- sono in grado di articolare, nelle lingue di riferimento, un discorso letterario e storico-culturale di buon livello, come tappa preliminare per un eventuale accesso alle lauree magistrali e, in un secondo momento, al dottorato di ricerca;
sanno attualizzare progetti di organizzazione e gestione dei sistemi comunicativi di aziende, enti, istituzioni che operino negli ambiti specifici delle lingue e delle culture di riferimento.

DIDATTICA

Il percorso formativo dello studente si articola per ciascuna delle aree linguistico-culturali prescelte in tre annualità di lingua e traduzione, tre di letteratura e due di filologia, finalizzate a fornire gli strumenti tecnici per riflettere e operare con e su le lingue, le civiltà e le produzioni letterarie connesse considerate nella loro dimensione storica, estetica e socio-comunicativa. Completano il percorso rafforzandone le prospettive di sbocco post-lauream l'acquisizione di specifiche abilità digitali orientate all'informatica umanistica e fino a 6 CFU di tirocini, moduli professionalizzanti o laboratori (fonetica, scrittura italiana, interculturalità) che promuovono l'impiego concreto delle competenze acquisite in specifici contesti lavorativi o in vista di una prosecuzione degli studi di più alto livello. L'apprendimento delle lingue è sviluppato tramite un'ampia gamma di attività interattive, esercitazioni e multimediali in rapporto diretto con docenti altamente qualificati.

SBOCCHI

La formazione dei laureati in Lingue e Culture Europee e del Resto del Mondo è orientata all'ampliamento delle possibilità occupazionali nel quadro del mercato del lavoro europeo e internazionale. Gli ambiti lavorativi che seguono esemplificano solo alcuni degli sbocchi professionali più tipici :
- attività ricettive e professioni assimilate
- uffici commerciali e per l'estero delle aziende
- segreterie amministrative e affari generali
- servizi e istituzioni culturali
- giornalismo ed editoria
- rappresentanze diplomatiche e consolari
- turismo culturale e intermediazione culturale
- formazione degli operatori per lo sviluppo in contesti multietnici e multiculturali
- settore della vendita e della distribuzione.

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
L-FIL-LET/10 Letteratura Italiana 12
L-FIL-LET/04 Lingua e Letteratura Latina 12
L-FIL-LET/12 Linguistica Italiana 12
L-ART/06 Storia del Cinema 6
M-STO/04 Storia Contemporanea 6
M-GGR/01 Geografia Culturale 6
L-ART/06 Storia della Televisione 6
SECONDO ANNO
L-FIL-LET/14 Metodologie di Analisi del Testo 12
L-ART/02 Storia dell'Arte Moderna 12
L-ART/07 Storia della Musica 12
L-FIL-LET/05 Storia del Teatro Antico 12
Un insegnamento a scalta tra:
M-STO/01 Storia Medioevale 6
M-STO/02 Storia Moderna 6
Laboratorio di Metrica 2
Laboratorio di Fonetica 2
Laboratorio di Scrittura 2
Laboratorio di Lettura dell'Opera d'Arte 2
Laboratorio di Scrittura per il Web 2
Laboratorio Social Media 2
Laboratorio di Scrittura Audiovisiva 2
Laboratorio di Scrittura Istituzionale e Pubblicitaria 2
Laboratorio di Ricerca Bibliografica 2
TERZO ANNO
L-ART/03 Storia dell'Arte Contemporanea 6
L-FIL-LET/09 Filologia e Linguistica Romanza 12
Un insegnamento a scalta tra:
M-STO/02 Storia Moderna 2 6
M-STO/08 Introduzione all'Archivistica Digitale e all'Informatica per le Scienze Umane 6
M-STO/09 Scienze del Libro e del Documento Manoscritto 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-LIN/01 Linguistica Generale 6
L-FIL-LET/11 Letteratura Italiana Contemporanea 6
L-FIL-LET/14 Sociologia della Letteratura 6
L-FIL-LET/13 Critica Testuale 6
Abilità Informatiche e Telematiche 3
Lingua Inglese 3
A scelta dello studente 12
Tirocinio 6
Prova finale 6

PRESENTAZIONE

Entertainment e comunicazione interna ed esterna hanno assunto oggi una tale centralità da spingere verso la creazione di nuove professioni, per svolgere le qua li sono necessarie competenze e conoscenze trasversali di ogni genere, oltre che creatività e notevoli capacità comunicative. È per questo che è nato il corso di laurea in Letteratura, Arte, Musica e Spettacolo (LAMS), indirizzo Letterario, il cui obiettivo è formare un operatore di cultura umanistica dotato di buone competenze informatiche e tecnologiche, di analisi e critica e di competenze teorico pratiche articolate.

OBIETTIVI

I laureati in Letteratura, Arte, Musica e Spettacolo, indirizzo Letterario:
- conoscono la cultura letteraria, linguistica, storica e geografica dell'età antica, medioevale, moderna e contemporanea;
- hanno solide basi sui processi di comunicazione in genera le e sui meccanismi della produzione e della comunicazione letteraria in particolare;
- hanno conoscenze di carattere storico e teorico sulle discipline artistiche;
- hanno conoscenze di tipo sociologico e antropologico;
- sanno analizzare e progettare eventi culturali.

DIDATTICA

Il corso è strutturato in modo da fornire agli studenti specifiche capacità di applicazione delle conoscenze apprese. Oltre all'insegnamento teorico prevede infatti :
- esercitazioni e prove pratiche;
- partecipazione a seminari tenuti da esperti del mondo delle imprese e delle professioni;
- laboratori periodici;
- acquisizione di abilità linguistiche;
- predisposizione e redazione di un elaborato finale.
Esperienze di stage in aziende private ed enti pubblici, nel campo dell'editoria, del giornalismo e della critica specializzata completano il percorso formativo.

SBOCCHI

I principali ambiti lavorativi nei qua li i laureati in Letteratura, Arte, Musica e Spettacolo, indirizzo Letterario, possono inserirsi sono i seguenti:
- enti pubblici e privati nel campo del giornalismo e dell'editoria;
- istituzioni che organizzano eventi e manifestazioni con finalità culturali;
- agenzie di pubbliche relazioni;
- società e istituzioni afferenti all'universo dell'informazione.

Il corso prepara alla professione di:
- esperto di comunicazione letteraria e pubbliche relazioni;
- organizzatore di fiere e convegni;
- tutor, istitutore, insegnante nella formazione professionale;
- addetto stampa;
- redattore di case editrici, di riviste e di quotidiani.
La laurea in Letteratura, Arte, Musica e Spettacolo, indirizzo Letterario, permette inoltre di proseguire gli studi, senza CFU aggiuntivi, nel corso di laurea magistrale in Filologia Moderna e di conseguire così i crediti formativi necessari a partecipare ai concorsi e insegnare a scuola le seguenti materie: Italiano (o discipline letterarie), Latino, Storia e Geografia .

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
L-FIL-LET/10 Letteratura Italiana 12
L-FIL-LET/04 Lingua e Letteratura Latina 12
L-FIL-LET/12 Linguistica Italiana 12
L-ART/06 Storia del Cinema 6
M-STO/04 Storia Contemporanea 6
M-GGR/01 Geografia Culturale 6
L-ART/06 Storia della Televisione 6
SECONDO ANNO
L-FIL-LET/14 Metodologie di Analisi del Testo 12
L-ART/02 Storia dell'Arte Moderna 12
L-FIL-LET/05 Storia del Teatro Antico 12
L-ART/07 Storia della Musica dell'Ottocento e del Novecento 6
Un insegnamento a scalta tra:
M-FIL/05 Linguaggi dei Nuovi Media 6
L-ART/05 Storia del Teatro Moderno 6
SPS/08 Organizzazione di Eventi e Ufficio Stampa 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-ART/06 Regia Audiovisiva tra Teatro e Media Digitali 6
L-ART/06 Istruzione e Editoria Multimediale 6
SPS/08 Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi 6
Tre laboratori a scalta tra:
Laboratorio di Metrica 2
Laboratorio di Fonetica 2
Laboratorio di Scrittura 2
Laboratorio di Lettura dell'Opera d'Arte 2
Laboratorio di Scrittura per il Web 2
Laboratorio Social Media 2
Laboratorio di Scrittura Audiovisiva 2
Laboratorio di Scrittura Istituzionale e Pubblicitaria 2
Laboratorio di Ricerca Bibliografica 2
TERZO ANNO
L-ART/03 Storia dell'Arte Contemporanea 6
L-FIL-LET/09 Filologia e Linguistica Romanza 12
Un insegnamento a scalta tra:
L-ART/06 Teoria e Prassi degli Audiovisivi 6
L-ART/03 Linguaggi Artistici dei Nuovi Media 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-ART/06 Forme della Serialità Televisiva 6
L-ART/06 Storia del Cinema Italiano 6
Abilità Informatiche e Telematiche 3
Lingua Inglese 3
A scelta dello studente 12
Tirocinio 6
Prova finale 6

PRESENTAZIONE

Il corso di laurea in Letteratura, Arte, Musica e Spettacolo, indirizzo Artistico, Audiovisivo e dello Spettacolo, presenta un’offerta formativa molto ricca, diversificata e rispondente alle esigenze della società e del mondo lavorativo. Tale offerta formativa focalizza l’attenzione sulle forme espressive peculiari della contemporaneità (cinema, video, media digitali), collocate all’interno di precisi contesti storico-culturali e poste in relazione a quelle tradizionali. Il corso di laurea punta altresì a mettere in luce le reciproche influenze, le interazioni, le contaminazioni tra i linguaggi artistici, comunicativi e multimediali.

OBIETTIVI

I laureati in Letteratura, Arte, Musica e Spettacolo, indirizzo Artistico, Audiovisivo e dello Spettacolo:
hanno solide basi sulle procedure di produzione e sui sistemi linguistici del cinema, della televisione e delle nuove tecnologie digitali;
hanno conoscenze di carattere storico-teorico , tecnico e critico sul teatro, il cinema, la televisione e i nuovi media;
hanno conoscenze di tipo sociologico e antropologico;
sanno analizzare e progettare eventi culturali;
sono in grado di curare programmi nel settore teatrale, audiovisivo e multimediale.

DIDATTICA

Il corso si avvale dell'interconnessione disciplinare fra diversi filoni culturali : arte, televisione, teatro, cinema e nuovi media. È strutturato in modo da fornire agli studenti specifiche capacità di applicazione delle conoscenze apprese. Oltre all'insegnamento teorico, prevede infatti:
- esercitazioni e prove pratiche;
- partecipazione a seminari tenuti da esperti appartenenti al mondo delle imprese e delle professioni;
laboratori periodici;
- acquisizione di abilità linguistiche;
- predisposizione e redazione di un elaborato finale.
Esperienze di stage in aziende private ed enti pubblici, nel campo dell'arte, dell'audiovisivo e dei media digitali completano il percorso formativo.

SBOCCHI

I principali ambiti lavorativi nei quali i laureati in Letteratura, Arte, Musica e Spettacolo, indirizzo Artistico, Audiovisivo e dello Spettacolo, possono inserirsi sono i seguenti :
- enti pubblici e privati nel campo della comunicazione cinematografica ,teatrale, televisiva e multimediale;
- istituzioni che organizzano eventi, manifestazioni e spettacoli con finalità culturali - cineteche e mediateche;
- società specializzate nel settore della pubblicità o dei linguaggi visivi.

Il corso prepara alla professione di:
- organizzatore di fiere e convegni;
- annunciatore e presentatore di radio e televisione;
- tutor, istitutore, insegnante nella formazione professionale;
- ricercatore in campo artistico e audiovisivo;
- producer radiotelevisivo, cinematografico e teatrale .
La laurea in Letteratura, Arte, Musica e Spettacolo, indirizzo Artistico, Audiovisivo e dello Spettacolo, permette inoltre di proseguire gli studi, senza CFU aggiuntivi, nel corso di laurea magistrale in Filologia Moderna e di conseguire così i crediti formativi necessari a partecipare ai concorsi e insegnare a scuola le seguenti materie: Italiano (o discipline letterarie), Latino, Storia e Geografia.

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
L-FIL-LET/10 Letteratura Italiana 12
SPS/08 Sociologia della Moda 6
M-DEA/01 Antropologia e Antropologia della Moda 12
L-ART/02 Storia dell'Arte Moderna 12
ICAR/17 Disegno 1 (con elementi di disegno industriale) 12
SECS-P/08 Economia e Gestione d'Imprea 6
SECONDO ANNO
ICAR/17 Disegno 2 6
ICAR/13 Disegno Industriale 1 6
M-STO/04 Storia Contemporanea 6
L-ART/03 Storia dell'Arte Contemporanea 6
L-LIN/12 Lingua Inglese e Inglese della Moda 12
L-ART/06 Storia del Cinema 6
L-ART/06 Storia della Televisione 6
Due insegnamenti a scalta tra:
L-ART/05 Storia del Teatro Contemporaneo 6
ICAR/13 Modello Virtuale e Rendering 6
IUS/01 Diritto Privato 6
SECS-P/08 Marketing della Moda 6
TERZO ANNO
ICAR/17 Disegno 3 12
ICAR/13 Disegno Industriale 2 6
Due insegnamenti a scalta tra:
INF/01 Web Marketing 6
M-PSI/06 Psicologia del Lavoro 6
SPS/08 Organizzazione di Eventi e Ufficio Stampa 6
ICAR/13 Design degli Interni 6
Abilità Informatiche e Telematiche 2
A scelta dello studente 12
Tirocinio 10
Prova finale 6

PRESENTAZIONE

Il corso di laurea in Design e Discipline della Moda si prefigge lo scopo di formare un progettista o un esperto in grado di confrontarsi con le innovazioni e le dinamiche di ricerca nella moda e nel design degli interni. Chi opera in questi settori deve possedere una solida preparazione tecnico-artistica, fatta di conoscenza dei materiali, ricorso efficace alle nuove tecnologie, padronanza di tecniche di comunicazione e presentazione mirate, capacità di lettura psico-sociologica della società, rigore gestionale e amministrativo.

OBIETTIVI

I laureati in Design e Discipline della Moda:
- hanno un'adeguata formazione teorico/pratica di base (storico-artistica, psico-sociologica, estetica, giuridica, gestionale) nei settori del design e del fashion;
- conoscono i meccanismi della comunicazione visuale, verbale e scritta, nonché le convenzioni del disegno;
conoscono adeguatamente le tecniche e gli strumenti per la rappresentazione del prodotto di design, sia esso di moda che d'interni (il disegno per l'ideazione, quello tecnico, analogico e digitale, la fotografia, la geometria per la descrizione dei modelli sia ideativi che di progetto), le tecniche di rappresentazione delle immagini e dei linguaggi visivi e la conoscenza dei meccanismi di percezione visiva;
- sanno disegnare un prodotto o un'intera linea di prodotti nel campo del fashion design (borse, scarpe, abiti, gioielli, ecc.);
- sanno elaborare un progetto di moda;
- sono in grado di elaborare un progetto d'interni;
- sono in grado di progettare una campagna pubblicitaria e ne sanno valutare la correttezza e l'efficacia;
- sanno organizzare una sfilata di moda.

DIDATTICA

Il percorso didattico prevede un'alternanza tra momenti di teoria e di pratica: ampio spazio è dedicato all'analisi di procedure creative, di prodotti e di eventi (es. mostre e sfilate), nonché allo studio dell'organizzazione di imprese produttive, di atelier, di agenzie pubblicitarie e di uffici stampa delle case di moda. Tali risultati vengo no conseguiti attraverso la fruizione di lezioni relative all'apparato teorico affiancate da un congruo carico di attività formative in modalità laboratoriale e/o di didattica interattiva, previste trasversalmente in tutti i settori scientifico-disciplinari. Il corso di laurea in Design e Discipline della Moda darà, inoltre, agli studenti la possibilità di fare esperienze sul campo anche sotto forma di stage allo scopo di formare dei professionisti che sappiano "come si fa" oltre che "come si valuta" un prodotto di fashion e/o interior design.

SBOCCHI

Il corso di laurea forma responsabili dei processi comunicativi, creativi e innovativi del design della moda e/o d'interni. I laureati potranno trova re sbocchi lavorativi e svolgere attività professionali presso istituzioni pubbliche e private afferenti al settore della moda e/o del design degli interni, dall'ideazione del prodotto alla sua realizzazione, alla sua comunicazione e promozione. Nello specifico i laureati nel corso di Design e Discipline della Moda possono svolgere attività:
- nell'industria della moda e dell'arredo d'interni, dal lavoro dipendente e parasubordinato, all'atelier e allo studio professionale;
- presso aziende, luoghi espositivi, enti fieristici, agenzie pubblicitarie, editoria specialistica, uffici stampa di case di moda e di design di interni;
- nelle imprese e nelle istituzioni che organizzano eventi culturali, di costume e sfilate di moda come responsabili di produzione o consulenti.
La laurea in Design e Discipline della Moda consente di accedere all'esame di abilitazione per la professione di perito industriale laureato. Il corso di laurea prepara, inoltre, alle professioni di: disegnatori tessili, approvvigionatori e responsabili acquisti, tecnici della vendita e della distribuzione e tecnici dell'organizzazione di fiere e convegni.

lauree magistrali

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
Due insegnamenti a scalta tra:
L-LIN/04 Lingua e Traduzione Francese 4 12
L-LIN/12 Lingua e Traduzione Inglese 4 12
L-LIN/07 Lingua e Traduzione Spagnola 4 12
L-LIN/14 Lingua e Traduzione Tedesca 4 12
Un insegnamento a scalta (corr. prima lingua) tra:
L-LIN/03 Letteratura Francese 4 9
L-LIN/10 Letteratura Inglese 4 9
L-LIN/05 Letteratura Spagnola 4 9
L-LIN/13 Letteratura Tedesca 4 9
Un insegnamento a scalta (corr. seconda lingua) tra:
L-LIN/03 Letteratura Francese 4 9
L-LIN/10 Letteratura Inglese 4 9
L-LIN/05 Letteratura Spagnola 4 9
L-LIN/13 Letteratura Tedesca 4 9
Un insegnamento a scalta tra:
M-STO/02 Storia Moderna 6
M-STO/04 Storia Contemporanea 6
M-DEA/01 Antropologia Culturale 6
A scelta dello studente 12
SECONDO ANNO
L-FIL-LET/12 Linguistica Italiana 6
L-LIN/01 Linguistica e Sociolinguistica 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-LIN/03 Letteratura Francese 5 6
L-LIN/10 Letteratura Inglese 5 6
L-LIN/05 Letteratura Spagnola 5 6
L-LIN/13 Letteratura Tedesca 5 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-FIL-LET/15 Filologia Germanica 6
L-FIL-LET/09 Filologia e Linguistica Romanza 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-FIL-LET/14 Critica Letteraria e Letterature Comparate 6
L-LIN/01 Linguistica Applicata 6
Tirocinio 12
Prova finale 18

PRESENTAZIONE

Il corso di laurea intende approfondire ulteriormente lo studio delle lingue e delle letterature europee, stimolando le capacità critiche degli studenti in vari contesti letterari e culturali. Saranno fornite, inoltre, conoscenze per la traduzione letteraria e sul tema dell’interculturalità.

OBIETTIVI

I laureati Lingue e Letterature Moderne e Traduzione Interculturale:
- hanno una conoscenza avanzata in storia della letteratura e della cultura nelle civiltà europee;
- conoscono gli strumenti teorici e applicativi per l'analisi linguistica e per la didattica delle lingue e delle Letterature;
- possiedono competenze linguistiche attive e passive (livello C2);
- si esprimono nelle lingue straniere prescelte con duttilità e disinvoltura, anche in ambito tecnico;
- possiedono abilità di traduzione, in particolare letteraria;
- hanno buone capacità di comprensione testuale, sia in lingua straniera che in italiano.

DIDATTICA

Gli obiettivi didattici sono raggiunti attraverso un bilanciato equilibrio di lezioni a distanza, incontri seminariali, laboratori di traduzione e uso di materia le audiovisivo. La verifica dei risultati attesi nell'apprendimento linguistico è effettuato attraverso un monitoraggio continuo durante lo svolgimento dei corsi, nonché attraverso prove d'esame scritte e/o orali.

SBOCCHI

Il corso fornisce una consolidata formazione culturale e linguistica che rende possibile il flessibile adeguamento del laureato a una pluralità di mansioni professionali negli ambiti della didattica, della comunicazione e dei servizi, dell'interculturalismo e dell'internazionalizzazione nonché in attività dell'area economico-finanziaria, turistico-culturale, istituzionale e socio-culturale. La laurea magistrale in Lingue e Letterature Moderne e Traduzione Intercultura le permette di accedere alle seguenti classi di concorso per l'insegnamento: A- 23 ( lingua ita liana per discenti di lingua straniera), A- 24 (a) (ex 46/A lingue e culture straniere negli istituti di istruzione secondaria di Il grado ), A- 25 (a) (ex 45/A lingua inglese e seconda lingua comunitaria di primo grado). Il corso di laurea prepara, inoltre, professionisti con funzioni di elevata responsabilità in istituti di cooperazione internazionale, istituzioni culturali ita liane all'estero, rappresentanze diplomatiche e consolari.

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
L-FIL-LET/10 Letteratura Italiana 12
L-FIL-LET/12 Linguistica Italiana 12
L-LIN/12 Lingua inglese 6
Un insegnamento a scalta tra:
M-STO/01 Storia Medioevale 12
M-STO/02 Storia Moderna 12
Un insegnamento a scalta tra:
L-FIL-LET/13 Filologia della Letteratura Italiana 6
M-STO/09 Paleografia 6
L-FIL-LET/09 Filologia delle Letterature Romanze Medievali 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-LIN/01 Pragmatica e Linguistica Testuale 6
L-FIL-LET/14 Critica Letteraria e Letterature Comparate 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-FIL-LET/04 Letteratura Latina 1 6
L-FIL-LET/02 Letteratura Greca 1 6
L-LIN/05 Letteratura Spagnola 6
L-LIN/13 Letteratura Tedesca 6
L-LIN/03 Letteratura Francese 6
L-LIN/10 Letteratura Inglese 6
SECONDO ANNO
Un insegnamento a scalta tra:
L-ART/02 Storia dell'Arte Moderna 6
L-ART/03 Storia dell'Arte Contemporanea 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-FIL-LET/11 Letteratura Italiana Contemporanea 6
M-GGR/01 Geografia 6
L-LIN/02 Didattica della Lingua Madre, Seconda e Straniera 6
L-ANT/02 Storia Greca 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-ANT/03 Storia Romana 6
M-STO/08 Gestione delle Biblioteche e delle Risorse Digitali 6
M-STO/04 Storia Contemporanea 6
M-PED/03 Didattica e Pedagogia Speciale 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-FIL-LET/04 Letteratura Latina 2 6
L-FIL-LET/02 Letteratura Greca 2 6
L-FIL-LET/13 Filologia della Letteratura Italiana 6
M-STO/09 Paleografia 6
L-FIL-LET/05 Filologia Classica 6
L-FIL-LET/09 Filologia delle Letterature Romanze Medievali 6
Abilità Informatiche e Telematiche 2
Tirocinio 2
Altre conoscenze utili 2
Prova finale 18

PRESENTAZIONE

Il corso mira a fornire una solida cultura linguistica, letteraria e storica. Contribuisce a formare una figura intellettuale in grado di operare nei settori della ricerca (studi di terzo ciclo). A l termine del percorso di studi i laureati avranno competenze nell’ambito dell’elaborazione e della diffusione dei prodotti culturali (linguistica, filologia, storia, scrittura, poesia, ecc.) e potranno rivestire ruoli professionali di elevata responsabilità in enti pubblici e privati nei settori della cultura, dell’editoria, dell’informazione culturale, della pubblicità e dello spettacolo (archivisti, bibliotecari, curatori e conservatori di musei, redattori di testi per la pubblicità, redattori di testi tecnici, revisori di testi, esperti d’arte, sceneggiatori).

OBIETTIVI

Il corso di laurea ha lo scopo di formare un operatore di cultura umanistica con buone competenze informatiche e tecnologiche. In particolare, i laureati in Filologia Moderna:
- sono in grado di analizza re i testi sulla base di una corretta strumentazione filologica, linguistica e retorica;
- hanno una preparazione approfondita nei settori della filologia medievale, moderna e contemporanea e delle relative letterature;
- possiedono solide basi teoriche sui processi di comunicazione in generale;
- possiedono i fondamenti della conoscenza teorica del linguaggio.

DIDATTICA

Il biennio fornisce una base culturale articolata che somma diverse conoscenze e metodologie. Nello specifico: - il primo anno prevede l'acquisizione di conoscenze a carattere storico e teorico sulle arti e la musica, impostate criticamente e accompagnate da conoscenze tecnico linguistiche.
- Il secondo anno è dedicato allo sviluppo della capacità di inserire la tradizione letteraria con consapevolezza critica nella prospettiva storico-politica e culturale delle varie epoche, senza trascurare l'analisi dei testi basata su una corretta strumentazione filologico linguistica e retorica.
Allo studente verrà offerta, inoltre, la possibilità di assecondare le proprie inclinazioni e i propri orientamenti professionali attraverso la scelta di vari insegnamenti per l'approfondimento delle discipline classiche, fondamenta li per l'insegnamento, e di quelle linguistiche o filologiche, necessarie per intraprendere percorsi accademici e utilissime nell'ambito editoriale e dell'informazione.

SBOCCHI

Gli sbocchi occupazionali e le attività professionali previsti dal corso di laurea magistrale riguardano funzioni di elevata responsabilità nei seguenti settori:
- industria culturale ed editoriale;
- istituzioni specifiche (archivi di stato, biblioteche, sovrintendenze, centri culturali, fondazioni);
- organismi e unità di studio presso enti e istituzioni, pubbliche e private, sia italiane che straniere;
- ricerca universitaria;
- insegnamento scolastico.
La laurea magistrale in Filologia Moderna permette di accedere alle seguenti classi di concorso: A-22 (ex 43 A - Italiano, storia, geografia ed educazione civica nella scuola media/ secondaria di I grado), A- 12 (ex 50 A - materie letterarie nella scuola seconda ria di Il grado), A-11 (ex 51 A - materie letterarie e latino nei licei) e A-13 (ex 52 A - materie letterarie, latino e greco nei licei).

PIANO DI STUDI

Codice Insegnamento CFU
PRIMO ANNO
L-FIL-LET/10 Letteratura Italiana 12
L-FIL-LET/12 Linguistica Italiana 12
L-LIN/12 Lingua inglese 6
Un insegnamento a scalta tra:
M-STO/01 Storia Medioevale 12
M-STO/02 Storia Moderna 12
Un insegnamento a scalta tra:
M-FIL/04 Estetica e Teoria della Percezione 6
SPS/08 Sociologia dei Processi Culturali 6
M-DEA/01 Antropologia Culturale 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-ART/07 Musicologia e Storia della Musica 6
M-STO/08 Gestione delle Biblioteche e delle Risorse Digitali 6
L-ART/04 Museologia e Critica Artistica 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-OR/12 Lingua e Traduzione Araba 6
L-LIN/04 Lingua e Traduzione Francese 6
L-LIN/07 Lingua e Traduzione Spagnola 6
L-LIN/14 Lingua e Traduzione Tedesca 6
SECONDO ANNO
Un insegnamento a scalta tra:
L-ART/02 Storia dell'Arte Moderna 6
L-ART/03 Storia dell'Arte Contemporanea 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-ART/02 Storia dell'Arte Moderna 6
L-ART/03 Storia dell'Arte Contemporanea 6
M-STO/08 Archivistica Digitale e Informatica per le Scienze Umane 6
M-STO/09 Paleografia 6
L-FIL-LET/04 Letteratura Latina 1 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-ART/01 Storia dell'Arte Medievale 6
L-ANT/03 Storia Romana 6
M-GGR/02 Politiche di Promozione del Territorio 6
L-LIN/02 Didattica della Lingua Madre, Seconda e Straniera 6
L-FIL-LET/11 Letteratura Italiana Contemporanea 6
Un insegnamento a scalta tra:
L-ANT/07 Archeologia e Storia delle Culture del Mediterraneo 6
M-STO/04 Storia Contemporanea 6
SPS/08 Educazione al Paesaggio e ai Beni Culturali: Promozione e Valorizzazione Sostenibile 6
Abilità Informatiche e Telematiche 2
A scelta dello studente 12
Tirocinio 2
Altre conoscenze utili 2
Prova finale 18

PRESENTAZIONE

Il corso mira a fornire una solida cultura linguistica, letteraria e storica. Contribuisce a formare una figura intellettuale in grado di operare nei settori della ricerca (studi di terzo ciclo). A l termine del percorso di studi i laureati avranno competenze nell’ambito dell’elaborazione e della diffusione dei prodotti culturali (linguistica, filologia, storia, scrittura, poesia, ecc.) e potranno rivestire ruoli professionali di elevata responsabilità in enti pubblici e privati nei settori della cultura, dell’editoria, dell’informazione culturale, della pubblicità e dello spettacolo (archivisti, bibliotecari, curatori e conservatori di musei, redattori di testi per la pubblicità, redattori di testi tecnici, revisori di testi, esperti d’arte, sceneggiatori).